Annunci online



19 luglio 2007
Presentazione

di Gregorj 


Questo blog nasce per dare la possibilità a chi ci scrive sopra di dare notizie, esprimere le proprie opinioni, scrivere pezzi che difficilmente avrebbe l'occasione di far pubblicare altrimenti. O perché la "linea editoriale" del media per cui lavora non lo consente, o perché si ha tutt'altra occupazione, o perché non se ne ha voglia. Qui difficilmente leggerete una presa di posizione generalista e general-generica, una Weltanschauung - reale o fittizia che sia - un disegno filosofico, o un modo di vedere il mondo compiuto e completo: perché siamo convinti che, tra tutte le persone più intelligenti che ci sono al mondo, non saremo certo noi ad avere la verità in tasca. E infatti quelli che dicono di avercela sono solo dei paraculi. Per questo ci vorremmo riservare la libertà di postare ciò che vogliamo, senza doverci giustificare con chicchesia in nome di chissà quale verginità talebana.

Giornalettismo Militante è un Giornal-blog con zero virtù, che da un momento all'altro potrebbe chiudere - e non è che ci si perderebbe poi tanto, diciamo la verità. Si chiama così perché quando ero bambino chiedevo a mio zio di darmi "il giornale" (era Paese Sera), visto che volevo leggere prima possibile le pagine sportive. E lui mi rispondeva puntualmente: "Ma che giornale! E' per i grandi! A te al massimo ti do il giornaletto", dopodiché mi passava Topolino (ed ecco spiegato anche il mistero dell'header).

Gregorj Vakulinciuk
è un nick un po' strano, lo so: viene da uno dei personaggi della Corazzata Potiemkin, (Bronenosec Potëmkin, 1925), film diretto da Sergej Mikhajlovic Ejzenštejn, e la cui scena più conosciuta è il massacro sulla scalinata di Odessa a opera dei cosacchi, che scendono i gradini secondo una marcia ritmata, alla quale si accompagna il sottofondo musicale. Sotto di loro è ripresa la folla terrorizzata che cerca disperatamente di mettersi in salvo, con la celebre caduta della carozzina lungo la scalinata, spinta dalla madre morente colpita dalla scarica dei fucili.

Però Gregorj Vakulinciuk in quella scena non compare. In realtà, lui è morto una trentina di minuti prima: è il marinaio che, stanco delle vessazioni che subisce e vede subire ai suoi compagni, convince tutti all'ammutinamento contro il capitano e la guardia armata della nave. E' da lui che parte la rivoluzione sulla nave, e lui ne fa le spese in prima persona perché viene ammazzato durante la lotta. Il corpo del marinaio Vakulinciuk viene poi gettato in mare in una cerimonia funebre scarna ma solenne, nella quale i compagni lo ringraziano per aver dato la vita per loro. Se dovessi mai potermi scegliere una morte, vorrei tanto che fosse una tipo questa.

G.





permalink | inviato da giornalettismo il 19/7/2007 alle 17:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa

post<li>
avviso: a causa dei soliti problemi della piattaforma "Il cannocchiale"
il counter dei commenti potrebbe non essere aggiornato






2187053 visite totali





Post per autori:
Gregorj
Loska
Ag
Dinophis
Ricchiuti
Cagnaccio
Esse Emme
Kuros
Galatea
Cristian Corrini
Prostata
Aioros
Merchesa
Marblestone
Gregorj & Loska
Gregorj & Ag

Avvertenza:

Leggere questo blog almeno
in parte, prima di petare nei
commenti, grazie!












Links

Le nostre pillole
Eio
Stampa rassegnata
Watergate
La voce del padrone (boh...)
PersonalitàConfusa
Il blog di Lia Celi
Daw
Makia
Comicomix
Nome del Blog!
Bolina
Calibano
Pensatoio
Tittyna
Noantri
Sw4n, quello vero
Virtualblog






Powered by FeedBlitz

Blog authority

View blog reactions

Technorati Profile

Add to Technorati Favorites



 [valid rss]

  
 
 BlogItalia.it - La directory italiana dei

     blog
 Antipixel di SocialDust Blog

     Aggregator
 Politics Blog Top Sites

 
 Subscribe in NewsGator Online
 Add to Google


MacchianerAward 2006: Nomination




Creative Commons License



 
[Sfoglia l'archivio - Novembre]
giugno        agosto