Annunci online



23 luglio 2007
Nun se po' fa'

di Gregorj & AG 


on potevamo esimerci, proprio no. Mario Adinolfi ha presentato la sua candidatura alle primarie del Partito Democratico, e visto che è stato presentato come "il candidato dei blogger e degli under 35", era giusto, come abbiamo fatto con Capezzone, interessarci della sua proposta. La dichiarazione d'intenti è ggggiovane e internet-oriented: "Mi candido in nome di quel che sarà della politica. Spero sia molto più di quello che è. E quel che sarà è l'irruzione di internet nella scena sociale, l'esplosione del fenomeno dei blog, il formarsi di un popolo prevalentemente composto di under 40 che usa la rete come modello di vita". Dài, ragazzi, diciamolo: non vi esalta, 'sta cosa? Adinolfi in pratica vuole "tutto il potere ai blogger" come tanti anni fa qualcun altro voleva darlo ai soviet. Inutile ricordarvi com'è finita vero? Che il potere l'ha preso soltanto uno. E la storia, come tutti sapete, spesso si ripete. Dapprima come tragedia, e poi in forma di farsa.

CITAZIONI - Nel post successivo, Adinolfi elenca tutti quelli che hanno parlato della sua candidatura, citando sia i media che i blogger. E però, cosa strana, non mette nemmeno un link per permettere di leggere cosa hanno scritto. Il che non fa tanto netiquette, diciamocelo. Ma noi che ci stiamo a fare qui? Uno dei blog citati è Suzukimaruki, andiamo a vedere cosa ha scritto: "Da quanto ho capito,la polemica astiosa contro il nascituro PD che ha caratterizzato alcuni post del blog de iMille è quasi tutta farina del sacco di Adinolfi, [...] il cui unico selling-point politico mi pare essere "votatemi perché ho 35 anni, devo essere per forza meglio di quelle vecchiazze là. [...] Il significato di tutto ciò? Beh, per quanto mi riguarda è semplice: come temevo, ne iMille, tra tante persone di buona volontà, c'era chi era lì per sgomitare e  avere visibilità politica, facendo un po' di baccano su "giovani & democrazia diretta" (due parole che personalmente mi fanno mettere mano alla pistola ogni volta che le sento), ma in verità gridando forte un "Io io io ioooo! Guardatemi! Sono qui! Io sono i gggggiovani!". Non male, per uno che si voleva portare dietro la blogosfera no?  

UN PROGRAMMA 2.0 - Ma è il momento di analizzare il programma. Sintetizzato in tre numeri: 100, 2 e zero. Il cento si riferisce alle pensioni: "Quota cento significa sessant'anni di età e quaranta di contributi, sessantacinque anni di età e trentacinque di contributi, e così via, fatti salvi i lavori veramente usuranti, con parificazione dell'età tra uomini e donne, come proposto giustamente da Emma Bonino". Ecco, qui mi sa che il gggiovane blogger Adinolfi fa un po' di confusione: La pensione di vecchiaia si consegue quando si raggiungono i requisiti di età, che attualmente sono di 65 anni per gli uomini e 60 per le donne, e il requisito contributivo di 20 anni. La pensione di anzianità è invece quella legata ai 35 anni di contributi o 57 anni di età. E questa è già uguale per donne e uomini. Solo che le donne spesso non
riescono a raggiungere i parametri contributivi minimi per accedere alla pensione di anzianità, come invece la stragrande maggioranza dei "colleghi" maschi. Per questo la situazione più comune è l'uomo che va in pensione di anzianità con 35 anni di contributi o al massimo 57 anni di età e la donne che invece deve aspettare i 60 per quella di vecchiaia. Alla faccia della sig.ra Gina e della sig.ra Emma. Il punto due, invece, fa riferimento "alla percentuale del Pil italiano che vogliamo sia investita in ricerca scientifica, da subito, partendo dall'assegnazione di strumenti di decenza economica per i giovani ricercatori universitari. Due è anche il numero della coppia, della giovane coppia, che deve essere tutelata in quanto tale se assume l'impegno ad essere un nucleo stabile di amore e lavoro comune all'interno della società, a prescindere dall'orientamento sessuale". E qui, che gli volete dire? Che non ha specificato se quel 2% di pil deve essere di investimento pubblico o privato? Quisquilie. Oppure che non si capisce come mai dica che l'orientamento sessuale non c'entri nulla uno che ha aderito al
Family Day, e che ha detto che quella sui Dico era una battaglia "da fighetti, per gente alla moda" (che poi scusate, se erano di più quelli in piazza San Giovanni, non era quella "la moda" nel senso letterale del termine?). E che dire di questo suo post di appena un anno prima, in cui elencava i blogger "froci" - parole sue! - del Cannocchiale, dichiarandosi favorevole ai Pacs

"GRANDI IDEALI"
- Poi ci sarebbe il resto. Ci sarebbe, se il resto non fosse un'elencazione di "vogliamo" (zero caste, zero mafia, zero strapotere delle banche, eccetera) con i quali non si può non essere d'accordo. Un peccato che però non ci sia scritto nemmeno nelle righe piccole di questo "contratto con i gggiovani" come si vuole ottenere tutto ciò. Vogliamo dirlo papale papale? Questo "programma" sembra una raccolta dei primi dieci slogan ascoltati distrattamente in giro, e ripetuti pari pari senza nemmeno averli capiti fino in fondo. Visto che è gggiovane, una maestra direbbe "l'alunno è ambizioso ma non si applica. Consigliamo si ripresenti alle primarie di riparazione". Ma noi invece vogliamo concentrare l'attenzione sul suo bannerino con i colori che fanno tanto Forza Italia e lo slogan "Si può fare". Lui dice che l'ha ripreso da Branduardi. Ma a noi questo ricorda più che altro la scena di un film piuttosto famoso: "Frankenstein Junior". Ecco, forse la perfetta sintesi del primo candidato blogger della storia dei candidati blogger - che immaginiamo (purtroppo) ricca e numerosa in futuro - è tutta nel video qui sotto.




p.s.: subito dopo aver scritto il post, ci siamo accorti che sei blogger dell'area di centrodestra - tra cui l'amico daw - hanno deciso di sostenere la candidatura di Adinolfi, stanchi del menefreghismo del centrodestra nei confronti del fenomeno-blog. Secondo loro, con Adinolfi "dal virtuale si passa al reale; dai post alle dichiarazioni programmatiche; dall'onanismo salottiero e sonnacchioso all'impegno politico concreto". Ecco, avendo cercato di dimostrare - spetta al lettore dire se ci siamo riusciti o no - per tutto il post che il "programma" presentato è proprio una sfilza di dichiarazioni programmatiche e di onanismo salottiero, rimaniamo basiti da questo outing. Specialmente perché conosciamo e apprezziamo molti blogger di ispirazione culturale di destra che invece sono in grado di proporre idee riformatrici ficcanti e apprezzabili (uno è Phastidio.net). S
e, come voi dite, Adinolfi in Italia è l'esponente della cultura del fare, allora stiamo messi davvero male. Ma male male male male, eh?

Vota questa notizia




post<li>
avviso: a causa dei soliti problemi della piattaforma "Il cannocchiale"
il counter dei commenti potrebbe non essere aggiornato



23 luglio 2007
Incostituzionale sarà lei!

di Gregorj 


uanto è brutta l'ignoranza. Clemente Mastella da Ceppaloni , ministro della Giustizia , ha occupato l'intera scena mediatica domenicale per urlare a tutti che Clementina Forleo , gip di Milano , ha " violato la Costituzione " con l'ordinanza sulle scalate Bnl , Antonveneta e Rcs nella quale accusa i diessini Massimo D'Alema e Nicola Latorre di essere i complici di un disegno criminoso. Mastella dice che manderà gli ispettori al palazzo di giustizia meneghino, perché c'è un " problema di regole ", visto che la Forleo si è " comportata da pubbblico ministero, trasforma delle persone estranee ad ogni procedimento in soggetti privi di garanzie, con un danno di immagine difficilmente recuperabile ".

UN FAVORE - L'intento del Guardasigilli è squisitamente politico: vuole offrire una sponda difensiva a Fassino e D'Alema , utilizzando il suo ruolo di ministro per una strategia ausiliaria ai Ds , in vista di tutta una serie di scadenze - la più importante è la legge elettorale - nelle quali ha bisogno di alleati per salvare il partito e la sua funzione di ago della bilancia. E basta vedere che, anche se non lo hanno chiesto, gli esponenti dei Ds quell'aiuto lo vogliono proprio tanto: nelle interviste che hanno rilasciato nel week end , hanno come al solito professato la loro innocenza, ma stavolta si sono dimenticati di aggiungere le solite frasi di prammatica sulla fiducia che hanno nei giudici. Una cosa mai successa, che testimonia una ostilità alla Forleo che, c'è da giurarlo, in privato sarà espressa con parole molto simili a quelle della buon'anima di Bettino Craxi.

NESSUN ERRORE -Ma la cosa più divertente è che Mastella , ministro della Giustizia per grazia ricevuta dall' Unione e senza alcuna competenza specifica, ha torto marcio sull'incostituzionalità della decisione della Forleo . Perché i giudici delle indagini preliminari possono tranquillamente non solo fare una valutazione per chiedere di fare entrare in un processo delle carte coperte da segreto in quanto riguardano dei parlamentari, ma anche chiedere il rinvio a giudizio di una persona a prescindere dalle valutazioni del pubblico ministero. Nessuno si ricorda di quando è di recente accaduto questo? Mario Riccio , l'anestesista che aiutò Welby a morire, è stato mandato sotto processo proprio da un giudice, nonostante l'opinione contraria del PM . E all'epoca, ovviamente, Mastella non gridò all'attentato alla Costituzione .

"FUGA DI NOTIZIE" - Non solo: i presidenti di Camera e Senato , con l'intento di mettere sotto cattiva luce agli
occhi dell'opinione pubblica la Forleo , si dicono " preoccupati per la fuga di notizie " sull'ordinanza, lamentandosi del fatto che la richiesta sulle intercettazioni non è arrivata. Ebbene, se sono davvero così in pena, i due dovrebbero prendersela con chi ha potuto avere in mano quell'ordinanza dopo la firma del Gip . Ovvero impiegati del Tribunale e esponenti della Guardia di Finanza . Sì, proprio quelli che all'epoca erano comandati da Speciale . In realtà, per la nuova bufera nella quale sono finiti, D'Alema e soci possono prendersela solo con loro stessi. Per non avere, da subito, improntato alla massima trasparenza il loro comportamento, dando da subito il via libera alla pubblicazione delle loro intercettazioni e presentandosi davanti all'opinione pubblica per discuterne il merito. Adesso l'unica possibilità che hanno è di rinunciare all'immunità e lasciar fare alla Giustizia il suo corso. Altrimenti, agli ex esponenti del partito campione della " questione morale " (che incassano persino la solidarietà di Prodi , pure se non si capisce bene per cosa), converrà togliere Berlinguer tra i padri nobili del partito democratico. Per una pura e semplice questione d' igiene .

Vota questa notizia




post<li>
avviso: a causa dei soliti problemi della piattaforma "Il cannocchiale"
il counter dei commenti potrebbe non essere aggiornato



23 luglio 2007
Appuntamento col sentimento

di Ricchiuti 


dinolfi ? Se pò fà. Il Mondo deve sapere. Il primo candidato dichiaratamente Las Vegas della politica italiana, il divertimento che dà speranze anziché la precotta e conventuale serietà che ci fa disperare. L’unico azzardo possibile per una Generazione a cui carte da giocare non ne han mai date. Solo lui ci sa dare cose vecchie sempre nuove da sognare.

Nell’ordine. Garibaldino del 2.0 secondo Panorama. Meglio essere saggi con la propria follia piuttosto che con l’elemosina altrui, si ribatte. Rende più bello il contesto, esclama Franceschini. Che ci state, a coglionà, rispondiamo in coro. Posizione parasindacale, sparano dal quartier generale del finanziere Gavazzoli Schettini il candidato. Meglio di paraculo, sennò votavamo Veltroni, gli si risponde a brutto muso. Tiri fuori il programma e che lo faccia per una volta corto, cioè lo faccia strano rispetto gli altri. Col grasso al cuore noi adinolfiani di complimento rispondemmo che già una pagina sarebbe stata grasso che cola. L’americanizzazione delle liste ad personam imperversa, sveglia che Berlusconi vince di persona da più di dieci anni, ma il linguaggio greve, e il Vaffanculo di Grillo allora, non si vince così, si vince bene e convincendo. Mannò, si vince se li si convince che sei tu che vinci, e pure questo ce lo insegnò Berlusconi del ‘94. Immorali giovanilismi webbici di fuffa, me ne frego. Non può farcela, ha tutto e tutti contro, non è donna, bello, neanche brutto. E’persino il punto di non ritorno, guardate Veltroni, che lo fu, come l’ha capito e l’ha dimenticato, Adinolfi è men che giovane, come ipoteca e rogna persino molto meno é. Juventino. Proprio di meno che. C’era un modo per evitare tutto questo ? Certo, Adinolfi l’ha spiegato chiaramente, col tesoretto, altro che scaloni del tramonto ai vecchi, ci dovevate comprare tutti quanti.

(Solo) Adinolfi ? Uno su Mille, o senza Mille, se pò fà.




post<li>
avviso: a causa dei soliti problemi della piattaforma "Il cannocchiale"
il counter dei commenti potrebbe non essere aggiornato






1 visite totali





Post per autori:
Gregorj
Loska
Ag
Dinophis
Ricchiuti
Cagnaccio
Esse Emme
Kuros
Galatea
Cristian Corrini
Prostata
Aioros
Merchesa
Marblestone
Gregorj & Loska
Gregorj & Ag

Avvertenza:

Leggere questo blog almeno
in parte, prima di petare nei
commenti, grazie!












Links

Le nostre pillole
Eio
Stampa rassegnata
Watergate
La voce del padrone (boh...)
PersonalitàConfusa
Il blog di Lia Celi
Daw
Makia
Comicomix
Nome del Blog!
Bolina
Calibano
Pensatoio
Tittyna
Noantri
Sw4n, quello vero
Virtualblog






Powered by FeedBlitz

Blog authority

View blog reactions

Technorati Profile

Add to Technorati Favorites



 [valid rss]

  
 
 BlogItalia.it - La directory italiana dei

     blog
 Antipixel di SocialDust Blog

     Aggregator
 Politics Blog Top Sites

 
 Subscribe in NewsGator Online
 Add to Google


MacchianerAward 2006: Nomination




Creative Commons License



 
[Sfoglia l'archivio - Novembre]
giugno   <<  2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11  >>   agosto